IN PRIMO PIANO

Diamo vita ad una nuova iniziativa, per scoprire sul territorio alcune di quelle emergenze storiche e paesaggistiche che siamo soliti raccontare in questo spazio. “A piedi in Brianza”, una pubblicazione d’inizio anni Novanta, ci ha ispirato per titolare questo spazio.  

CARTOLINE DA ARCORE

Ad integrazione di quanto proposto sul volume “Cameriere, di che scrivere. Cartoline da Arcore” in questa sezione la riproposizione delle nuove cartoline che si sono aggiunte alla collezione dopo la pubblicazione del libro

FACEBOOK

Scoprilabrianzatuttoattaccato

4 giorni 14 ore fa

Continuiamo la descrizione del San Martino di Arcore, quando l'importanza e il peso economico dei Simonetta, che dalla metà del Quattrocento erano stati i proprietari,

Scoprilabrianzatuttoattaccato

2 settimane 5 giorni fa

Una nuova puntata della Storia dell'Arte Moderna, nel racconto di Gino Casiraghi, corredata dalla sua interpretazione di uno dei "cento campanili" che immediatamente identificano il

Scoprilabrianzatuttoattaccato

2 mesi 1 giorno fa

La descrizione della prima parte del registro in cui i Serponti nel Settecento annotarono la collocazione e il contenuto dei documenti che raccontavano la storia

Scoprilabrianzatuttoattaccato

5 mesi 12 ore fa

Peregallo... appunti di storia. Una raccolta di notizie, libri, link su Peregallo frazione di Lesmo, per conoscere la sua storia. www.scoprilabrianzatuttoattaccato.it/2022/04/27/peregallo-appunti/

Scoprilabrianzatuttoattaccato

5 mesi 4 giorni fa

Preziosi filmati d'epoca ritraggono Francesco Caglio ad Arcore nel giugno 1942, due anni dopo fu arrestato e fucilato a Fossoli. Una delle "pietre d'inciampo" che

Scoprilabrianzatuttoattaccato

5 mesi 1 settimana fa

A completamento ed approfondimento, a quanto pubblicato sull’Informatore Comunale di Usmate-Velate, in distribuzioni in questi giorni, un post sulla Cascina Belgiojosa di Velate e sulle

Scoprilabrianzatuttoattaccato

5 mesi 2 settimane fa

Raccontiamo del San Martino di Arcore. L'inizio è il monastero benedettino, che già nella metà del Quattrocento, viene abbandonato dalla badessa Giovanna Mandelli, unica superstite